Dott Emanuele Constantinescu
Dott Emanuele Constantinescu
Dott Emanuele Constantinescu
Dott Emanuele Constantinescu  

Conservativa - Endodonzia

Con il termine Terapia Conservativa si intendono tutte quelle procedure atte a conservare o ricostruire i tessuti dentali.

Il dente va incontro a deterioramento per vari motivi:

  • aggressione dei processi cariosi
  • usura per esempio dovuta al digrignamento
  • spazzolamento eccessivo (usura al colletto)
  • eventi traumatici
  • masticazione di sostanze eccessivamente dure (sassolini presenti accidentalmente nei cibi)

Un tempo veniva utilizzata l’Amalgama d’Argento, nei giorni nostri non viene più utilizzata nei nostri studi sia per un motivo estetico (ha un colore scuro) che per una presunta tossicità.

Al posto dell’amalgama si utilizzano i compositi che sono materiali estetici del solito colore del dente naturale che ci permettono di effettuare otturazioni praticamente identiche al dente originario.

Questi materiali che vengono venduti in forma liquida o pastosa e quindi modellabili a piacimento vengono poi induriti in pochi secondi grazie a particolari lampade fotopolimerizzanti.

Talvolta dove le ricostruzioni necessitano di un ulteriore supporto perché la corona è altamente danneggiata occorre utilizzare perni radicolari che servono come appoggio ai compositi per la ricostruzione per garantire una maggiore durata all’elemento dentario è comunque opportuno realizzare una capsula laddove la corona dentaria risulti gravemente danneggiata.

Fanno parte sempre della terapia conservativa le sigillature dentali che vengono vendute in forma fluida e di colore trasparente che di norma si eseguono nei solchi dei denti dei bambini e servono per evitare che quei denti vengano aggrediti da processi cariosi nei solchi che sono zone dove è più difficile pulire.

L’endodonzia è quella branca odontoiatrica che prevede la cura dell’endodonto, ovvero lo spazio – presente all’interno di ogni singolo dente – in cui risiede la polpa dentaria (costituita da cellule, vasi sanguigni e nervi).

E’ necessario affidarsi alla terapia endodontica quando una lesione cariosa o traumatica provoca una alterazione irreversibile della polpa dentaria, che può portare fino alla necrosi.

Quando ricorrere all’endodonzia?

Talvolta si ricorre alla terapia endodontica quando, preparando un dente per fini protesici, la riduzione del tessuto dentale potrebbe portare alla necrosi della polpa. In questo caso la necrosi è dovuta a cause iatrogene.

La terapia endodontica si divide in ortograda e retrogada.

La terapia endodontica ortograda è composta da diverse fasi che possiamo elencare nel seguente modo:

  • Raggiungimento della camera pulpare
  • Sagomatura con strumenti endodontici manuali o meccanici
  • Detersione dei canali radicolari con irriganti (ad es. acqua ossigenata, ipoclorito di Sodio)
  • Sigillatura del canale con gomma termoplastica (detta Guttaperca)
  • Controllo radiografico

L’endodonzia retrograda viene invece utilizzata quando non è possibile accedere al canale tramite l’endodonzia ortograda: ad esempio, quando vi è una ostruzione del canale.

Metal Free

Ortopanoramica in sede

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dott. Emanuele Constantinescu +39 333 9167836 studioleti@yahoo.it - Frascati - 00044, Via Sciadonna 24, P.Iva 12417611006 - OMCEO Roma 6426 - Andi Roma 03336